La salute alimentare gira il mondo : Corea, Spagna, Giappone tre modi e gusti diversi per deliziare palato e migliorare il benessere

Cucina spagnola paella e tapas
Print Friendly, PDF & Email

La cucina italiana è di certo una delle più apprezzate ed invidiate al mondo con la sua vastità di ingredienti e di sapori, ma scegliere la salute alimentare significa anche aprire gli orizzonti verso gusti e colori che possano portare altri benefici a tavola.

Nel mio percorso di studi di cucina naturale ho avuto modo di avvicinarmi a ricette e piatti internazionali, ecco perché ho fortemente voluto allargare l’offerta della mia scuola di cucina inserendo dei corsi innovativi che permettano di avvicinarsi sempre di più al concetto di salute alimentare.

Clicca qui per scoprire i miei corsi.

Ognuno di questi tre paesi, Corea, Giappone e Spagna, offre nei suoi piatti abbinamenti di ingredienti e sapori che regalano al palato sensazioni nuove, senza sottovalutare le molte proprietà benefiche che ogni ingrediente possiede. Ma andiamo con ordine.

cucina coreana

La cucina coreana è già nota come una tra le cucine al mondo più salutari, specie per quanto riguarda le patologie diabetiche e cardiovascolari, per le quali studi scientifici hanno riscontrato un effetto positivo,  sia per cibi principali di base che vengono utilizzati, sia per la tecnica di cottura base che è la fermentazione. Inoltre la tradizione culinaria coreana vede in primo piano i concetti di equilibrio, salute, energia i quali assieme alla fermentazione degli ingredienti identificano questa  cucina davvero interessante e molto gradita.

Anche il Gambero Rosso recentemente ha dedicato un capitolo alla cucina coreana, suggerendo quali sono i migliori vini da abbinare ai piatti coreani.

A tenere il corso di cucina coreana avremo Sun Young Koo, ritenuta la chef dai 5 colori, docente della scuola di cucina “La Soffritta” di Verona e chef del Consolato a Roma.

Sun Young, approdata a Firenze ancora circa 20 anni fa quando ancora si occupava di moda e design, nel 2014 ha dato una svolta alla sua vita, trasformando in una vera attività la sua passione di cucinare secondo le sue tradizioni per amici e parenti. Inizialmente come chef a domicilio, poi partecipando ad eventi in ristoranti e locali, e poi proponendo corsi di cucina ancora poco diffusi ma decisamente graditi.

Il principio fondamentale su cui si basa la cucina coreana è molto interessante, poiché il cibo è considerato come cura vera e propria, per il corpo ma anche per l’anima. Infatti secondo le tradizioni coreane, anche il cibo è suddiviso in Ying e Yang : ecco da dove nasce l’equilibrio. Ingredienti Ying  vanno abbinati ad ingredienti Yang per dare armonia al cibo affichè sprigioni l’effetto benefico. Ma gli ingredienti non sono strani come si potrebbe pensare : verdure come peperoni, zucchine, carote, riso , filetto di manzo, stanno sul piatto con il giusto equilibrio, la carne non supera il 20%, assieme a tante verdure dai colori giallo, rosso, verde e assieme al bianco del riso e al nero, per via dell’utilizzo molto ampio dell’alga kombu in zuppe e brodi, costituiscono i 5 colori che armonizzano il piatto. Fondamentale è l’humani, originato dalla fermentazione dei cibi, che regala quelle piacevolezza di ogni boccone, e che rende la cucina coreana davvero magica. Ora avrai capito perchè la cucina coreana rappresenta in modo pratico e pragmatico il concetto di salute alimentare !

Dalla Corea al Giappone con furore ! E adesso veniamo al sushi !

Si tratta di rotolini di riso avvolti, in cui all’esterno si trova una striscia di alga e al cui interno troviamo un ripieno che può essere crudo, cotto o marinato.  Ingredienti come pesce, alghe, vegetali o uova sono i principali attori assieme al riso. Il sushi, ha la caratteristica di proporre non solo il pesce crudo, ma viene abbinato anche al tofu, a frutta e verdura di vari tipi, e come condimento si abbina la salsa di soia e il Ginger, striscioline sottili di zenzero.

Generalmente mangiare sushi e degustare una ottima birra leggera biologica rende la cena o il pranzo davvero piacevole e gustosa.

Se non sai quali sono le birre biologiche e vuoi conoscere di più il mondo del malto e del luppolo, ti invito a degustarle nel mio corso di birre (link), così potrai imparare le caratteristiche e fare gli abbinamenti migliori in base ai piatti che preferisci.

L’apporto nutrizionale del sushi, benché si presenti in tantissime combinazioni, è abbastanza bilanciato : il riso, apporta la parte di carboidrati necessari al fabbisogno quotidiano, il pesce fornisce l’apporto lipidico “buono” ed è fonte di omega 3, importantissimo per le nostre ossa, per prevenire l’osteoporosi.

Il pesce più frequente per il sushi è il salmone, il branzino, il tonno,  l’orata, il gambero la seppia e il polpo.

Le verdure e la frutta sono presenti anche se in quantità minori, generalmente si utilizzano zucchine, rafano, cetrioli, avocado e prugne.  Il tofu, più conosciuto come formaggio di soia, è di origine leguminosa, con il vantaggio di essere poco calorico, privo di colesterolo, e apporta buone quantità di calcio potassio e ferro.

A tenere il corso sushi & wine, avrò nella mia scuola Denis della pescheria Lidapier:  ti insegnerà l’ABC del sushi, ricette per farlo in casa tua a regola d’arte, e scopriremo i migliori vini che si abbinano a questo meraviglioso cibo dell’oriente.

E adesso torniamo in Europa, precisamente in Spagna, dove Alex Pallas Arroyo, El Cocinero, svelerà tutti i passaggi per fare la paella di pesce con le vere tradizioni della cucina spagnola. Alex, e il suo fascino iberico, ci spiegherà come fare una paella di pesce con tutte le attenzioni per una cucina spagnola naturale : dalla scelta degli ingredienti di qualità, ai passaggi necessari per una cottura perfetta della paella, agli abbinamenti con la tipica sangria, immancabile compagna delle cene a base di paella.

Oltre alla paella Alex insegnerà alcune ricette di tapas spagnole, perfette per imparare a fare cene diverse dalle solite, con ingredienti della cucina naturale, ma decisamente gustose.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.